Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for novembre 2007

Vorrei usare questo blog per dare spazio ad una lodevole iniziativa. Riporto dal sito http://www.liberasw.org/:

Tranne poche eccezioni, chi compra un PC deve PRIMA comprarlo con Windows preinstallato, e POI rinunciare al suo uso e ottenere il rimborso della licenza, se vuole rimuoverlo. Non dovrebbe essere questa la procedura. Dovrebbe SEMPRE essere possibile PRIMA scegliere un computer e POI scegliere quale sistema operativo pre-installare in esso, o scegliere di non pre-installarne nessuno.
Il problema del sistema operativo può essere esteso a tutto l’ambito del software. È comune trovare preinstallati sui PC, in particolare sui notebook, Microsoft Office o parti di esso, e l’eventuale rimborso della licenza di Windows dovrebbe includere anche la licenza di Office, che di solito costa molto di più. Non sappiamo se questo avvenga, però.
Tutto questo non ha giustificazione. Non esiste solo Windows come sistema operativo per PC: esistono molte alternative, anche con licenze d’uso gratuite e/o aperte, come GNU/Linux e FreeBSD. Non esiste solo Office, ma anche ad esempio OpenOffice, anch’esso dotato di licenza d’uso gratuita e aperta. Perché vincolare, di fatto, l’utente del PC ad una scelta obbligata sul software del SUO computer, se esistono alternative?
Da questo ragionamento parte questa iniziativa, lanciata da Renzo Davoli, professore associato presso il Dipartimento di Scienze dell’Informazione dell’Università di Bologna. Egli ha formulato una proposta di liberalizzazione del software, indirizzata al ministro Bersani e mirante ad ottenere questa libertà nell’uso del software sul proprio computer. Ha anche lanciato una petizione per sostenere la proposta.

Potete (e dovreste) firmare la petizione on line al seguente indirizzo:

http://www.petitiononline.com/liberasw/petition.html

Annunci

Read Full Post »